Collegamenti sponsorizzati

fragola

La fragola, lacrima di Venere

La fragola, buonissimo frutto rosso dal profumo intenso, ha origini già nella preistoria ed era conosciuta e amata già nell'antichità. I romani le diedero il nome di fragrans per il suo profumo e la consumavano in particolare nel periodo della festa dedicata ad Adone, poichè la leggenda narrava che, alla morte di Adone, la dea Venere pianse tante lacrime che caddero sul suolo diventando dei piccoli cuori rossi. Scopriamo insieme qualcosa di più su questo buonissimo frutto usato tantissimo in cucina e ricco di proprietà benefiche per la nostra salute...  
 

La fragola, lacrima di Venere Collegamenti sponsorizzati

La fragola fa parte della famiglia delle Rosaceae e del genere Fragaria. Conosciuta fin dall'antichità, è una pianta originaria delle zone alpine e dell'America del Nord e del Sud ma è difusissima in molti paesi, tra cui l'Italia che è uno dei maggiori produttori di fragole a livello mondiale. Il frutto della fragola, in realtà, non è la parte rossa che mangiamo normalmente ma sono i semini gialli che si trovano in superficie, gli acheni. La fragola ha diverse varietà che si possono suddividere in non rifiorenti, le quali producono i frutti in primavera, le rifiorenti, che producono frutti sino all'autunno e sono molto lente nella riproduzione, le fotoindifferenti che si sviluppano con qualsiasi tipo di luminosità. La fragola più adatta ad una coltivazione in orto è la rifiorente poichè si riproduce più volte nel corso dei mesi e quindi è adatta al consumo familiare mentre la non rifiorente viene preferita dall'industria per la concentrazione di produzione che si ha ristretta ad un mese circa. Per coltivare la fragola nel nostro orto dobbiamo seguire alcuni accorgimenti: utilizzare un terreno subacido, cioè con un Ph fra 5,5 e 6,5, molto ricco di sostanze organiche; annaffiare non in modo abbondante ma più che altro costante soprattutto dopo aver trapiantato la pianta e nel momento della produzione del frutto; disporre le piante in file lasciando un pò di distanza l'una dall'altra. I frutti della fragola possono essere raccolti in periodi differenti a seconda se si tratta di una pianta rifiorente o non, a seconda della latitudine a cui si trova l'orto, a seconda se sia una coltivazione in pieno campo o in serra. Per coltivare e mantenere nel modo migliore la nostra pianta di fragola dobbiamo stare attenti soprattutto agli afidi e agli antonomi della fragola, al ragnetto rosso, un acaro molto diffuso, e a malattie quali l'oidio, la muffa grigia, il marciume delle radici: la fragola è molto delicata, bisogna quindi utilizzare dei prodotti specifici per eliminare il problema. Una pianta delle fragole molto amata e dai frutti molto gustosi è la fragola selvatica chiamata anche fragola di bosco. Questa pianta ha dei lunghi stoloni, cioè dei rami che partono dalla gemma della pianta, i quali arrivano sino a terra e producono nuove piante. La fragola selvatica si trova in ogni parte d'Italia, nei boschi o nelle radure, fino ad un'altezza di 1800 m. Le fragole sono utilizzatissime nel campo alimentare per produrre sciroppi, gelati, succhi, dolci di vario genere e sono ricche di vitamina C, di acido folico, fibre, potassio. Le fragole sono poco caloriche, non contengono grassi saturi o colesterolo, e, come ci spiega il sito dell'azienda Raggi nella pagina dedicata alla fragola, sono ottime per la dieta poichè contengono moltissima acqua. Ancora, la fragola ha una buona capacità nel distruggere i virus, è ricca di pectina, sostanza che abbassa il livello di colesterolo, ed ha azione antiossidante. Importantissimo, la fragola è tra i frutti al mondo che aiuta a ridurre le possibilità di ammalarsi di cancro insieme al lampone, alla noce o alle more. Sempre l'azienda Raggi ci dà altri consigli sui benefici delle fragole: ad esempio, per digerirle meglio si può utilizzare il succo di limone, per una 'cura' a base di fragole si consiglia l'assunzione giornaliera di 350-500 gr di fragole, per scopi diuretici e depurativi si può bere una tisana preparata con le foglie delle fragole essicate. Sul sito si possono trovare, inoltre, informazioni sulla tipologia delle fragole, sulla coltivazione della fragola e la sua manutenzione, su gustose ricette a base di fragola.   


 

Regalo Mini Corsi
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta