Collegamenti sponsorizzati

giglio

Il candido giglio

Simbolo per eccellenza della purezza e castità, il giglio, conosciuto anche come Lilium, è molto usato come fiore decorativo. I bellissimi fiori lunghi e slanciati, il profumo inebriante, hanno reso i gigli molto apprezzati per occasioni particolari, quali comunioni o cresime o nei matrimoni. Come tutti i fiori anche i gigli hanno particolari vantaggi curativi, analizziamo insieme questo fiore così elegante.

Il candido giglio Collegamenti sponsorizzati

Il giglio, il cui nome latino è Lilium, è un fiore elegante e profumato usato soprattutto per la decorazione dei giardini, per la decorazione di chiese, matrimoni e comunioni. La mitologia racconta che i gigli siano nati da una goccia di latte caduta dal seno di Giunone mentre allattava l’eroico Ercole. Al contrario di altri fiori a bulbo, i gigli non si rinnovano tutti gli anni. Esistono ottanta specie di gigli o lilia, tra le varietà più conosciute: il Giglio della Madonna, o Lilium Candidum che proviene dal Medio Oriente, utilizzato per infusi diuretici, per curare scottature; il Lilium Martagon e il Lilium Croceum di origine europea; dalla Cina proviene il Lilium Tigrinum e Lilium Concolor, dai bellissimi colori arancioni, simbolo di pace spirituale;  nelle zone tropicali asiatiche si trovano il Lilium Nepalese, il Lilium Regale e il Lilium Speciosum. Periodo di fioritura del giglio è l’estate, ma se il bulbo è stato trattato, può fiorire tutto l’anno. La moltiplicazione dei gigli avviene o per divisione dei bulbi, o per semina o con bulbilli che appaiono sui fusti, ma solo in alcune specie. Il terreno richiesto dai gigli è un terreno ben drenato e arricchito di sostanza organica. I gigli richiedono esposizioni a mezza ombra e un controllo delle annaffiature. Contrariamente a quanto si possa pensare, i gigli, o lilia non sono solo bianchi, ma ne esistono, come abbiamo visto sopra, molte specie coloratissime e profumatissime. Nemici dei gigli sono soprattutto alcuni insetti, come l’afide dei bulbi, che provocano il deperimento dei bulbi; i coleotteri che divorano le foglie e danneggiano bulbi e fiori; le lumache e i millepiedi. Altri nemici sono i funghi, la muffa verde e la ruggine. Il giglio è simbolo di Firenze, anche se nella realtà dovrebbe essere l’iris, considerando che la città è ricca proprio di questo fiore. Nel linguaggio dei fiori il giglio indica la purezza.

 

Regalo Mini Corsi
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta