Collegamenti sponsorizzati

stelle di natale

Rosso Natale, Stelle di Natale!

Le Stelle di Natale sono tra le piante più amate nel periodo natalizio, utilizzate come segno di augurio per il nuovo anno a venire e per il colore rosso intenso delle loro foglie, decorazione natalizia perfetta. Forse non tutti sanno, però, che le stelle di natale sono piante tropicali e che provengono dai paesi caldi del mondo...
 

Rosso Natale, Stelle di Natale! Collegamenti sponsorizzati

Stelle di Natale: caratteristiche generali
Le stelle di Natale, nome scientifico Euphorbia pulcherrima, sono piante tropicali provenienti dal Messico. Questa pianta, infatti, seppur utilizzata nel periodo natalizio per il suo bellissimo color rosso, ha bisogno di molto calore e non sopporta le temperature inferiori ai 15°. Le stelle di Natale hanno un piccolo fusto che può raggiungere i 50 cm di altezza con foglie grandi, le brattee, di colore rosso, erroneamente considerate i fiori, ma anche di colore bianco o rosa. Al centro delle brattee si trovano i veri fiori delle stelle di natale, di colore giallo che fioriscono nel periodo che va da dicembre a marzo, motivo per il quale sono nel loro massimo splendore a Natale.

Stelle di Natale: coltivare e curare le stelle di Natale

Per coltivare le stelle di natale, bisogna innanzitutto ricordarsi che le stelle di natale amano molto la luce del sole ma non in modo diretto e che ovviamente la temperatura deve essere non inferiore ai 15°. Le stelle di natale richiedono un terriccio di tipo acido che deve essere annaffiato regolarmente ma aspettando sempre che la terra sia asciutta prima della successiva annaffiatura. Essendo le stelle di natale delle piante fotoperiodiche, ovvero i loro fiori fioriscono nel periodo in cui la luce solare è minore nell'arco della giornata, è bene porle in luoghi non molto soleggiati da ottobre sino alla primavera, periodo dal quale poi si possono spostare anche all'esterno. Per curare le stelle di natale in modo corretto si devono concimare soprattutto dopo la fioritura con concimi a base di potassio e fosforo, si devono rinvasare a partire da aprile dopo aver potato i rami principali per una misura di circa 3 cm; la potatura delle stelle di natale non va effettuata dopo agosto perchè da questo mese in poi riparte la preparazione fisiologica della pianta alla fioritura. Le malattie di cui possono soffrire le stelle di natale sono soprattutto i funghi che si creano con un'eccessiva annaffiatura delle stelle di natale e quindi col ristagno dell'acqua, che si mostrano con macchie di colore grigio sulle foglie. Se invece si ha il problema delle foglie ingiallite, questo può dipendere da una bassa esposizione al sole o dal troppo calore. Per moltiplicare le stelle di natale si può utilizzare il metodo per talea, quindi si può tagliare un ramo possibilmente con una lama e non con una forbice che può causare uno schiacciamento del fusto, immergere il ramo in acqua tiepida e aspettare la radicazione. Le stelle di natale, nel linguaggio dei fiori, simboleggiano la rinascita, il buon augurio, e proprio per questo vengono regalate nel periodo di Natale insieme a dolci e piante più tradizionali.

Regalo Mini Corsi
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati